Dieta Barf per Gatti - Come iniziare

FAQ 
ALIMENTAZIONE BARF GATTO

I seguenti articoli sono puramente informativi, e Karin Pedrona si astieneda qualsiasi responsabilità.

Questo articolo è stato preso dal gruppo Barf & Co di Facebook, che ringrazio tantissimo per avermi aiutato e supportato nel cambio alimentare per i mei gatti!
Questo articolo non è una guida da seguire alla lettera, prendete gli articoli come punto di inizio per trovare la strada più consona per voi e il vostro amico.


1) I GATTI E LA BARF


INIZIARE IL GATTO AD UNA DIETA CON OSSA E CARNE CRUDA 


I gattini e alcuni gatti adulti istintivamente riconoscono il cibo crudo naturale sin dalla prima volta che viene loro offerto. Purtroppo però, la maggior parte dei gatti adulti che a cui viene proposta una dieta di carne e ossa crude, tendono ad  essere poco entusiasti e hanno bisogno di un certo incoraggiamento. Probabilmente il cambiamento può risultare un po’ problematico e quindi dobbiamo conoscere bene come muoverci. Solitamente scuotete il pacchetto di crocchette al pesce prima di versarle nella ciotola? Cosa dite al gatto quando arriva correndo? I rituali del cibo possono essere diversi, ma il momento, il gusto, la consistenza, la vista, il suono e l’odore, tutto svolge un ruolo. Molto probabilmente il vostro gatto è legato a questi forti stimoli e voi, in qualità di dispensatore di attenzioni, probabilmente vi siete abituati al modo che meglio funziona per voi. Avete letteralmente alimentato la dipendenza. Adesso immaginate il futuro con il vostro flessuoso felino acquattato a cacciare colli di pollo, quaglie epesci interi crudi. Se il vostro gatto è giovane e in salute, potete iniziare il cambiamento… tuttavia, se il vostro gatto è in sovrappeso, soffre di problemi dentali o di altro genere,fareste meglio a consultare il veterinario prima di intraprendere una dieta diversa. Impedire l’accesso al cibo per 12 ore è un primo passo essenziale. Invece,iniziare una routine di una volta al giorno, diciamo alle 6 di pomeriggio,l’orologio biologico ben presto si sincronizzerà e la sua anatomia, fisiologia e comportamento si allineeranno, allo stesso momento, in cucina. Una volta stabilita la nuova routine, il passaggio al nuovo cibo può iniziare. Ci sono diversi “trucchi” che possono essere utili sia singolarmente che combinati tra loro. Un gatto affamato vorrà maggiormente annusare, leccare e infine mangiare il nuovo cibo, quindi riducete la quantità di cibo in scatola o secco. (Non lasciate senza cibo il vostro gatto per più di 20 ore). Stabilite un solo alimento, ad esempio pollo, a cui volete far abituare il vostro gatto. Il gusto e la consistenza del cibo crudo sono due cose a cui dovete far abituare il vostro gatto. (Masticare le ossa viene in seguito). Quindi tagliate qualche striscia di carne di pollo e copritele nella ciotola con il cibo in commercio. Nei giorni successivamente la quantità di carne cruda e diminuite quella delle crocchette. Quando la carne cruda è del tutto accettata, provate ad aumentare la grandezza dei pezzi finchè i colli e le ali di pollo sostituiscono completamente le listarelle di pollo. Nei giorni successivi, continuate a dare sempre meno cibo commerciale, aumentando la quantità di cibo crudo. Un altro trucco  è di scottare leggermente la carne (mai le ossa!) in padella o sotto il grill.Potete provare a mescolare il liquido del pesce in scatola con la carne o spolverarla con le crocchette sbriciolate. Potreste tentare il vostro esigente felino facendo dei tagli profondi nella pelle e nella carne delle alette e dei fuselli di pollo e riempiendoli di cibo in scatola. Potete provare a legare un’aletta di pollo ad un filo e giocare a farla acchiappare. Se avete più gatti, essi entrano in competizione e imparano l’uno dall'altro. La perseveranza ripaga gli sforzi, e una decina di giorni sono un tempo sufficiente per un gatto difficile a passare alla nuova dieta. È meglio fare sì che il vostro gatto si abitui a mangiare pollo prima di introdurre nella dieta quaglia, coniglio, pesce, uccellini o cibo simile. In quel caso, potrebbe essere necessario un’altra dose di pazienza e di trucchetti… 

ANCORA PROBLEMI?
Regola #1: Questa non è una gara
È di cruciale importanza che il passaggio ad una nuova dieta salutare avvenga molto molto lentamente. 
Il gatto ha un metabolismo unico. Se fate cambiamenti nella dieta troppo velocemente, ci sono buone probabilità che il gatto smetta semplicemente di mangiare, perché il nuovo cibo non incontra i suoi desideri.

Se digiuna,corre il rischio di sviluppare una condizione pericolosa per la vita chiamata lipidosi epatica, nota anche come malattia del fegato grasso. 
Ecco perché non dovreste neanche considerare di fare un passaggio istantaneo dal vecchio cibo ad uno più salutare. Nonostante quello che potreste credere,non è detto che il vostro gatto mangi quando è affamato. Si sa che i gatti possono anche morire di fame per rifiutare un certo tipo di cibo.

Se il vostro gatto rifiuta di mangiare e sviluppa la lipido si epatica, sarà molto faticoso provare a salvarlo, e non ci sono garanzie di riuscita. L’ultima cosa che vorreste è un gatto mortalmente malato, salatissimi conti del veterinario, o il terribile dispiacere di perdere il vostro peloso. 
Per favore, prendete seriamente questo consiglio. Passate molto lentamente ad una dieta più salutare per il vostro gatto con calma. Se il vostro gatto è un “tipo tosto” preparatevi a trascorrere almeno sei mesi, ma anche un anno, per passare alla dieta con cibo crudo. La vostra coerenza, determinazione, pazienza – tanta pazienza – esi, anche i trucchetti, un giorno verranno ripagati. 

 

Regola #2: data una scelta, il gatto farà quella sbagliata. 
Sul forum di HealthyPets (che ringraziamo!) ci sono tanti commenti da partedi proprietari di gatti che supplicavano di essere aiutati a far sì che i loroanimali mangiassero cibo di qualità migliore. 
Il punto è che il gatto non è portato per istinto a mangiare cibo salutare,e questo è ancora più vero se è abituato a cibi grassi, di risulta e di qualità scadente. Davanti alla scelta tra le sue solite crocchette a forma di lavorate, molto grasse, piene di sale ed un pasto che è adatto alla specie,vivo e crudo, il vostro gatto traviato sceglierà le prime e storcerà il naso davanti al cibo di cui ha in realtà bisogno per il suo bene.

Il vostro compagno felino è un carnivoro obbligato. Se vivesse all'esterno da solo, caccerebbe e mangerebbe topi. I gatti sono“programmati” per mangiare topi perché i topi forniscono esattamente il tipo di proteine e la quantità di liquidi con cui i felini prosperano. 
Quanti di noi nel campo della cura degli animali, compresa l’AAFP (Associazione Americana dei Praticanti dei Felini), che incoraggiano i proprietari di gatti afar passare i loro animali dal cibo secco a quello umido, lo fanno perché il cibo umido somiglia di più alla dieta naturale del vostro gatto. Questo riduce lo stress biologico, che a sua volta riduce il potenziale di malattia.

Molti mangimi secchi per gatti sono economici. Di certo sono convenienti. E sostengono la vita. Ma non sono biologicamente appropriate nè sono appropriate per la specie. 
L’insufficienza renale felina – una condizione troppo comune, debilitante e a volte fatale – siriscontra spesso in gatti che hanno vissuto in uno stato di disidratazionecronica per tutta la vita, dovuto ad una dieta di cibo secco.

 


2) PARLIAMO DI PERCENTUALI!


QUANTITATIVO GIORNALIERO, suggerito: 


Gattini: 80-100 gr/kg peso ATTUALE/al di (suddiviso in 3 a 4 pasti al di) 
Gatto adulto: 30-40 gr/kg peso IDEALE/al di (suddiviso in 2 pasti al di) 
Gatto in gravidanza/in allattamento: 60-80 gr/kg peso al di

 

Se il gatto perde troppo peso, si rimedia dando più cibo, e/o inserendo alimenti con un valore di grasso più alto, se aumenta troppo di peso si rimedia dando meno cibo.

 

PERCENTUALI ALIMENTAZIONE SUGGERITE: 
30% ossa molto polpose (OP) 
55% carne senza osso (CSO) 
15% organi (di cui max. 5% fegato) 

ATTENZIONE: Si sconsiglia SEMPRE carne cruda di maiale, in quanto i gatti sono molto suscettibili al virus di Aujezsky, morbo al 100% letale.

Le percentuali sopra-indicate sono puramente linee di massima, si aggiustano in base alle necessità di ogni singolo soggetto. Per esempio quando di frequente le feci si presentono troppo dure, bianchissime e difficili da espellere si rimedia dando semplicemente meno OP e più CSO.

Per i neo-barfisti le ossa polpose (OP) possono essere: colli di pollo,ali/pipistrelli di pollo, carcassa di pollo, carcassa di quaglia, carcassa di faraona, carcassa di fagiano, carcassa di anitra, carcassa di coniglio,carcassa di lepre.

Le cosce degli animali sopra-indicati sono piu dure/dense, esi possono dare una volta il gatto digerisca bene le OP piu morbide (osservarel'eventuale presenza di ossicini nelle feci e/o nei vomitini in modo assairicorrente). Eventualmente, all'inizio, si possono frantumare le OP piu dure,battendole con un martello pesante. (Coprendo l'OP con uno straccio, perevitare schizzi di carne)

Lacarne senza osso (CSO) potrebbe essere di qualsiasi tipologia, peresempio petto/fesa di pollo/tacchino, spezzatino di manzo, di agnello, dianitra, di carne di testa di manzo, etc etc. La scelta è ampia.

Organi:si possono somministrare cuori, fegatini, ventrigli (durelli) di pollo, di tacchino,di coniglio, di anitra, di faraona, di manzo, di vitello, di agnello etc etc… Il fegato consiste in ca. 3-5% del totale del menu, il cuore ca. 8-10% del totale del menu, il resto degli organi possono essere ventrigli (durelli), rene,polmone etc, chi più ne ha, più ne metta.

Inoltre si potrebbero includere nella dieta: pesce azzurro (sardine,sgombro, salmone etc) uovocrudo intero, con guscio, latticini, olio di pesce, pò di trippa verde, pò diverdure crude e frullate oppure cotte e NON frullate (entrambi nonnecessari, ma se piacciono si possono offrire senza alcun problema). Il pesce,se gradito, lo si può dare nella misura di ca. 5-10% del totale del menucomplessivo. Preferire il pesce azzurro, in quanto ricco di omega 3. (Pescemassimo un ca. 10%, di cui massimo un ca. 5% di pesce azzurro)

Piu si varia la tipologia di CSO e OP, meglio è per lasalute del gatto. Per esempio,  si potrebbesomministrare un pasto di coniglio o anitra (OP), aggiungendo cavallo, oagnello o manzo (CSO), organi di pollo, un uovo e yoghurt. Ripeto, si trattasolo di un esempio!!!! Niente vi vieta di diversificare e bilanciare invecenell'arco di una o due settimane.

Considerando il fatto che il gatto sia un predatore di predapiccola, come topi, volatili, coniglietti/leprotti, insetti, rettili,lucertole, etc. si cerca di imitare il più possibile tale approvvigionamento. In ogni caso, il gatto può mangiare anche  CSO di manzo,agnello, cervo ed altri animali di grossa taglia.

-------------------------------------------------------------------------------

Un esempio per come calcolare i vari alimenti del menu' settimanale:

Prendiamo un gatto che necessita di ca. 150 gr di cibo algiorno. La settimana conta 7 giorni, quindi il gatto mangia 150 gr X 7 (giorni)= 1050 gr settimanali.

 

Il gatto mangia 70% di CSO, quindi si calcola: 1050:100x70%=735 gr CSO

Il gatto mangia ca. 5% fegato, quindi si calcola:1050:100x5% = 52,5 gr fegato

Il gatto mangia ca. 10% cuore, quindi si calcola:1050:100x10% = 105 gr cuore

Il gatto mangia 15% osso puro (=30% OP), quindi si calcola:: 1050:100x15%= 157,5 gr osso puro

Verifica: 157,5 osso puro + 105 cuore + 52,5 fegato + 735CSO = 1050 gr totale. Quindi tutto quadra!

(I grammi si possono arrontondare per eccesso o per difetto.L'importante è di accostarsi approssimativamente alle percentuali indicate.)

Somministrando della preda piccola intera (organi + pelocompresi), per esempio 2 volte alla settimana topini interi, e 1 volta allasettimana dei ratti interi o dei gerbil etc, significa che il menu consiste gia3 volte alla settimana in un pasto completo. Per calcolare quanto di alimentida dare i restanti giorni (= 4) si opera nel modo seguente :

il gatto mangia 150 gr X 4 (giorni) = 600 gr settimanali.

Il gatto mangia 70% di CSO, quindi si calcola: 600:100x70%=420 gr CSO

Il gatto mangia ca. 5% fegato, quindi si calcola: 600:100x5%= 30 gr fegato

Il gatto mangia ca. 10% cuore, quindi si calcola:600:100x10% = 60 gr cuore

Il gatto mangia 15% osso puro (=30% OP), quindi si calcola:: 600:100x15%= 90 gr osso puro

Verifica: 90 osso puro + 60 cuore + 30 fegato + 420 CSO =600 gr totale. Quindi tutto quadra!

(I grammi si possono arrontondare per eccesso o per difetto.L'importante è di accostarsi approssimativamente alle percentuali indicate.) 

Copyright voernatuurlijk.nl 
(Ringraziamo l’utente Eva Kant per averci fornito l’articolo)

I seguenti articoli sono puramente informativi, il gruppo Barf&Co e karin pedrona si astiene da qualsiasi responsabilità.

 

  • Bianco Facebook Icon
  • Bianco Instagram Icona
  • Bianco Google+ Icona
  • Bianco YouTube Icona

© 2019 Disir Nornir Cattery di Karin Pedrona CF:PDRKRN72S46G337Y

Privacy Cookie Policy  Note Legali by StudioBia

 

Tutti i testi e le fotografie sono di proprietà di Karin Pedrona, è vietata la riproduzione parziale o intera dei testi e delle fotografie. 

Attenzione! Sono stati riscontrate truffe e furti di immagini a miei danni da parte di persone che si fingono collaboratori e usano mie immagini senza autorizzazione.

 l' allevamento Disir Nornir, non ha collaboratori e non affida i suoi cuccioli ai negozi. Verificate sempre visitando l allevamento di persona o ricercando

sul sito ANFI, l' esistenza dell allevamento.