L' Allergia al Gatto

Prenota la tua prova allergica

GATTI ANALLERGICI, GATTI IPOALLERGENICI, QUALI SONO LE RAZZE FELINE CHE NON PROVOCANO ALLERGIA? ESISTE UN VACCINO L ' ALLERGIA AL GATTO?...

PREMESSA: 

Allevo ormai da circa 13 anni i miei amati gatti norvegesi ,  dal 2006 e tantissime persone si sono rivolte a me perchè 

" allergici al gatto"

 Quando ricevo una telefonata, di persone allergiche, o compagni di persone allergiche al gatto, la cosa che mi colpisce di più e che mi coinvolge, è quasi una sorta  responsabilità da cui mi sento subita investita, come se da me e la mia famiglia felina dipendesse la felicità altrui.... la realizzazione di un sogno: poter vivere con un compagno felino nonostante l' allergia!

Questo mi ha spinto a fare ricerche in merito all' allergia, e creare questa pagina divulgativa.

 

Le "prove allergiche" nel mio allevamento amatoriale vengono effettuate a titolo gratuito e consistono nel restare a contatto con i miei gatti per almeno un ora di tempo, in ambiente chiuso.

Nel 90 % dei casi , le famiglie lasciano a casa mia felici di non aver avuto nessuna reazione allergica, ed è innegabile che il mio cuore sia pieno di gioia per aver preso parte attiva nella realizzazione del loro desiderio.

 

 

Circa il 10% della popolazione soffre di allergia ai gatti ...

In realtà il termine “allergia al gatto” è improprio, così come quello di “allergia al pelo di gatto”: a scatenare l’allergia infatti è l’allergene, , una piccola glicoproteina chiamata Fel d1, prodotta dalle ghiandole salivari (saliva), lacrimali (lacrime), sebacee (pelle) e perianali. Le ghiandole perianali secernono l'allergene sulle feci. La più alta concentrazione di Fel d1 si trova nelle ghiandole perianali.


L'allergene felino (Fel d1) si trova solo nei gatti e rappresenta fino al 60% delle allergie del gatto. Le reazioni tipiche agli allergeni variano, ma includono sintomi che vanno dal lieve naso che cola e prurito agli occhi, a reazioni gravi come gli occhi gonfi, orticaria o difficoltà di respirazione. Gli individui allergici ai gatti e non ad altri animali sono di solito allergici solo a Fel d1. L'allergene è molto stabile e può rimanere in casa per sei mesi dopo la rimozione del gatto.

Durante la pulizia giornaliera che il gatto effettua leccandosi, la Fel-d1 dalla saliva viene

depositata sul pelo che  tende ad essere distribuita attraverso la pelliccia, con i livelli più alti

che si trovano vicino alla pelle. La saliva asciugandosi fa si che la glicoproteina si volatilizza

e viene rilasciatane nell’ambiente; causa delle sue dimensioni ridotte e la particolare stabilità è

possibile il trasporto e la diffusione passiva, attraverso gli indumenti e i capelli anche in

ambienti non direttamente frequentati dall’animale

Le lettiere contengono spesso la più alta quantità di Fel d1, poiché le concentrazioni più alte si

trovano nelle ghiandole anali.

 

Alcuni dati:

Una raccolta dati statisticamente significativa è stato condotta nel 2006 sulla saliva di  420 esemplari di gatto normale , siberiano,  e abissino, dal Laboratorio INDOOR Biotechnologies.  Su oltre la metà dei gatti siberiani e abissini testati si sono rilevate quantità di allergene molto inferiori a quelle di un gatto normale ed un buon 15% di essi è risultato avere livelli talmente bassi da essere adatti anche a chi soffre di allergie gravissime (attacchi asmatici). In questo 15% rientravano sia gatti maschi che femmine. La raccolta dati,  ha confermato che la produzione di allergene è  legata agli ormoni prodotti dal gatto, per cui i maschi non sterilizzati sono quelli che possiedono i valori più alti di allergene, le femmine sterilizzate quelle col dosaggio più basso.

Allergeni Secondari

Non ci sono risposte semplici alle domande sull'allergie del gatto. 

Ad oggi, sono stati isolati tredici allergeni che possono causare reazioni allergiche ,ognuno  di questi allergeni può causare una reazione in una persona, ma non un'altra, e la maggior parte delle persone è allergica a più di un allergene del gatto.

Persone con gravi allergie a cavalli, cani, conigli, (o allergie alimentari a carne di maiale, manzo o albume) non hanno reazioni con un gatto che produce poca Fel d1.

La maggior parte delle allergie  secondarie, sono causate da Fel d2 (albumina felina) o Fel d4 (lipocalina felina). 

L'albumina sierica è responsabile del maggior numero di reazioni incrociate tra gatti e altri animali.

Circa il 25% delle persone allergiche ai cavalli reagisce anche a Fel d4. Questi individui sono considerati cross-reattivi cavallo / gatto. 

 

L'asma e altre reazioni delle vie aeree agli animali sono di solito causate dalla lipocalina. Quando l'asma è causata dall'esposizione ai gatti, è in genere causata da Fel d4 (lipocalina felina) o Fel d1 (glicoproteina legante gli androgeni).

Diversi studi hanno dimostrato che i topi maschi fertili producono da 500 a 1000 lipocalina in più rispetto ai topi femmina. 

I livelli di lipocalina nei topi maschi e femmine sono nettamente ridotti  se sterilizzati.

 Questi studi non sono stati eseguiti sui gatti, ma è ragionevole presumere che gli individui con gravi allergie a cavallo o coniglio avranno una reazione inferiore a un gattino maschio femmina o castrato.

Al momento non ci sono test commerciali in grado di misurare Fel d4 o la maggior parte degli altri allergeni del gatto. 

Chiunque sia affetto da asma grave da gatto dovrebbe passare del tempo con un gatto a bassa produzione fel d1, prima di acquistare un gattino. 

Il test con campioni di pelo non è sufficiente per

le persone con allergia alla lipocalina o all'albumina.

Questo grafico illustra gli allergeni felini più comuni

e mostra la percentuale approssimativa di persone

allergiche ai gatti che reagiscono a ciascun singolo

allergene.

NOTA BENE:

La recente morte di una donna torinese a seguito di un grave attacco d’asma, e non per shock anafilattico come erroneamente riportato dalla stampa, verificatosi mentre spazzolava il gatto rende necessario fare chiarezza.  Tra gli allergeni inalanti di origine animale, quelli del gatto hanno particolare importanza nei Paesi occidentali come causa di allergopatie respiratorie, in particolare di asma bronchiale: la frequenza di sensibilizzazione varia negli atopici tra il 10-15% dell’ Europa e il 36% degli USA. 

Gli allergeni felini possono causare reazioni gravi e potenzialmente fatali in alcuni individui.

Le informazioni sugli allergeni fornite non sostituiscono i consigli medici.

Si consiglia di consultare un medico prima di visitare e / o acquistare un gatto Norvegese 

5 RAZZE FELINE IPOALLERGENICHE/ ANTIALLERGICHE

Gatti anallergici, quali sono le razze di gatti per chi soffre di allergia?

VISITA  ALL ALLEVAMENTO  PER TEST ALLERGICO

 

Fare visita a un allevamento che alleva gatti a bassa produzione di FEL D1, è un autentico test allergologico che offre ai visitatori una chiara indicazione della loro risposta immunitaria, questo è riferito anche al gattino che desiderano acquistare in quanto secondo le analisi effettuate, la bassa produttività di allergene è un tratto genetico che si trasmette da genitori a figli. 

La maggior parte delle reazioni ai gatti ,provengono da Fel d1. Reazioni ad altri animali come cani, cavalli, criceti o conigli indicano reazioni ad allergeni secondari . Queste allergie possono causare un più alto tasso di fallimento della prova.

I visitatori devono sempre portare con sé i loro farmaci - tra cui colliri, inalatori e antistaminici. Se dovesse verificarsi una reazione, i visitatori dovrebbero lavarsi prontamente le mani e il viso con acqua e sapone per rimuovere l'allergene superficiale. 

Quando possibile, i visitatori  dovrebbero considerare di non assumere antistaminici prima della visita agli allevamenti, in quanto maschererà la gravità delle reazioni. I visitatori devono sempre verificare con un medico prima di interrompere i medicinali soggetti a prescrizione.

 La maggior parte delle reazioni di Fel d1 si manifestano entro 15 minuti dall'esposizione. Le reazioni secondarie si manifestano solo dopo un'esposizione più lunga, in ogni caso è bene restare nella casa dell allevatore almeno per 1 ora e quando possibile ripetere la prova 2 volte a distanza di giorni.

Per l allevatore e' opportuno ridurre gli allergeni secondari pulendo le stanze per rimuovere i peli superficiali e gli acari della polvere.

Le lettiere dovrebbero essere pulite e la casa andrà areata prima della visita. I tiragraffi e cucce imbottite raccolgono grandi quantità di allergeni e acari della polvere e dovrebbero essere coperti o evitati dai visitatori.

Si dovrebbe iniziare la visita in una stanza a basso tasso di allergene ,nella stanza più pulita possibile.

Gli individui allergici dovrebbero posare la faccia per un breve periodo su mamma gatta.  

I gattini non hanno gli stessi livelli di allergeni presenti nei gatti adulti son quindi un indicatore insufficiente della risposta allergica.

 A volte i visitatori possono avere una reazione ai gattini ma non alla madre, questa reazione può essere vista in combinazione con allergie alle uova o al  latte, quando questi stessi gattini sono più grandi, questa reazione è solitamente meno grave.

La reazione alla lettiera è molto comune e può provenire da molte fonti. Le lettiere polverose o profumate possono entrambe causare problemi agli individui allergici. Le feci e l'urina contengono molti allergeni del gatto, incluso Fel d1. È sempre consigliabile per i soggetti allergici tenere la lettiera in una stanza ben isolata dagli alloggi.

 

NOTA:

gli allergeni felini possono causare reazioni gravi e potenzialmente fatali in alcuni individui. Le informazioni sugli allergeni fornite dall' ALLEVAMENTO GATTI NORVEGESI DISIR NORNIR  non sostituiscono i consigli medici.

Si consiglia di consultare un medico prima di visitare e / o acquistare un gatto Norvegese o altre razze della lista.

Consigli per le persone allergiche che vogliono acquistare un gatto anallergico/ipoallergenico

Prenota la tua prova allergica

  • Sterilizzare il gatto, sia maschio che femmina, oltre ad essere estremamente salutare per il vostro micio e per il vostro ambiente, la sterilizzazione garantisce produzione molto bassi di allergene; secondo alcuni test la femmina sterilizzata produce meno allergene del maschio sterilizzato.

  •  Inumidire una spugna o un panno pulito con Allerpet e frizionare il mantello del gatto prima di pettinarlo. Ciò consentirà di ridurre gli allergeni rilasciati nell'aria durante la pettinatura, disattivare molti degli allergeni sulla pelliccia.  Allerpet può essere acquistato online.
    Puoi fare il bagno al gatti 1 volta al mese. Questo rimuoverà sia gli allergeni che gli irritanti dal mantello. 

  • Pulite spesso i tiragraffi e posti dove dorme il gatto; 

  • La massima concentrazione di allergene si trova nelle lettiere . Se siete estremamente sensibili, fate pulire la lettiera a qualcun altro e se possibile tenetela sul balcone , in garage o in una stanza dedicata. La lettiera al the verde contiene acido tannico che disattiva l'allergene Fel d1.
     Utilizzate sabbie a bassa percentuale di polvere senza profumo. Lavate settimanalmente la lettiera .

  • Evitate il colore silver e smoke , i  livelli di FEL-D1 sono superiori secondo l analisi di diversi test. La glicoproteina sembra essere collegata al colore.

  • Passa regolarmente un panno umido sul pelo del gatto, può aiutarti a ridurre la quantità di Fel D 1.

  • Utilizzate un aspirapolvere dotato di filtro.

  • Bianco Facebook Icon
  • Bianco Instagram Icona
  • Bianco Google+ Icona
  • Bianco YouTube Icona

© 2019 Disir Nornir Cattery di Karin Pedrona CF:PDRKRN72S46G337Y

Privacy Cookie Policy  Note Legali by StudioBia

 

Tutti i testi e le fotografie sono di proprietà di Karin Pedrona, è vietata la riproduzione parziale o intera dei testi e delle fotografie. 

Attenzione! Sono stati riscontrate truffe e furti di immagini a miei danni da parte di persone che si fingono collaboratori e usano mie immagini senza autorizzazione.

 l' allevamento Disir Nornir, non ha collaboratori e non affida i suoi cuccioli ai negozi. Verificate sempre visitando l allevamento di persona o ricercando

sul sito ANFI, l' esistenza dell allevamento.